Perchè ogni occhio è differente

Da troppo tempo nel settore delle lenti progressive è stato considerato un approccio semplificato, fatto di limitate misurazioni oculari, di attenzione unidirezionale e di scarsa considerazione dei processi cerebrali.


Ci si è infatti concentrati sulla comprensione dell’occhio solo dalla limitata prospettiva del modello standardizzato di occhio ridotto e non sui parametri biometrici individuali. Un approccio che ha portato, nel 98% dei casi, a costruire lenti che non rispondono con precisione alle caratteristiche oculari di ogni singolo portatore.

Così come ogni singola persona è differente, anche la lunghezza, la forma dell’occhio ed il centro di messa a fuoco sono individuali. Ciò significa che, per garantire una visione nitida, dobbiamo poter calcolare lenti basate su precisi parametri individuali. Oggi, nonostante questo, quasi tutte le lenti progressive si basano sullo stesso modello standard di occhio statico e ridotto.

  • Misurarazioni individuali dell’occhio con DNEye® ScannerNella fase di misurazione, le dimensioni dell’occhio vengono rilevate con DNEye® Scanner.
  • Trasmissione dei dati a RodenstockL’ottico invia i dati a Rodenstock, dove i nostri calcoli brevettati vengono utilizzati per creare un intero sistema di parametri biometrici oculari.
  • Calcolo del sistema di parametri biometriciI nostri calcoli brevettati vengono utilizzati per creare un intero sistema di parametri biometrici oculari.
  • Costruzione del modello biometrico oculareQuesti dati vengono poi utilizzati per creare un preciso modello biometrico oculare, unico per ogni occhio.
  • Trasferimento digitale dei dati all’interno della lenteIl modello biometrico oculare viene utilizzato nel calcolo della lente ed infine trasferito durante la sua produzione. Ogni lente viene quindi resa unica sulla base dei parametri biometrici.
  • Biometric Intelligent GlassesAlla fine, il cliente riceve i suoi occhiali, generati attraverso l’intelligenza biometrica, e tutto questo in solo pochi giorni.

orari

parcheggio

newsletter