Visione nell'età evolutiva - Ottica Ruggiero Lavermicocca Bari

La visione nella
età evolutiva

La visione è una funzione innata che si sviluppa e matura gradualmente fin dai primi anni di vita, attraverso processi d’integrazione che coinvolgono aree come la postura, le abilità motorie, le funzioni cognitive. 

Il Centro Ottico Lavermicocca Ruggiero esegue esami specifici per i bambini, per controllare il corretto sviluppo del loro sistema visivo e per garantire la giusta risposta ai compiti visivi cui saranno sottoposti durante la loro crescita. 

Particolare attenzione viene posta alle condizioni in cui la funzione visiva interferisce con l’apprendimento o la postura. In questi casi vengono eseguiti esami optometrici specifici in un contesto multidisciplinare coordinato, per competenza, dagli specialisti d riferimento.

 

Disturbi specifici di apprendimento

Il "disturbo specifico dell'apprendimento" individua precise problematiche all'interno del processo di apprendimento, da cui conseguono modalità diagnostiche e trattamenti riabilitativi convenzionalmente precisati. All’interno di un progetto che comprende diverse competenze specialistiche, l’Optometrista offre un contributo complementare molto importante, per l’educazione e lo sviluppo delle abilità visive. Il programma di Potenziamento delle abilità visive si rivolge ai problemi visivi, funzionali e percettivi, che possono ridurre il potenziale d’apprendimento dello studente, meglio ancora se già dai primi anni di scuola.

L'optometrista e la dislessia

La conoscenza dei deficit specifici di apprendimento, e in particolare della dislessia evolutiva, è parte delle competenze professionali dell’Optometrista. Il professionista della visione si occupa di consigliare in primis le regole di igiene visiva per migliorare l’ambiente scolastico o quello domestico nel quale il bambino studia. Verifica l’efficienza del sistema visivo in risposta alle richieste scolastiche e può occuparsi del suo miglioramento attraverso specifici percorsi di educazione visiva optometrica. Infine, poichè la lettura si svolge attraverso modalità visive e cognitive specifiche, attraverso l'analisi visiva l'optometrista cerca di riconoscerle e quantificarle. Il Programma di potenziamento delle abilità visive non tratta direttamente i disturbi di apprendimento ma si rivolge ai problemi visivi, funzionali e percettivi, che possono ridurre il potenziale d’apprendimento del bambino.